Ad ognuno la sua pizza.

Di il 22 dicembre 2015

La pizza è uno degli alimenti più conosciuti al mondo, ne esistono numerose varianti, diverse da paese a paese. Infatti, le personalizzazioni di questo alimento sono infinite, e gli stranieri non si stancano mai di adeguarla ai gusti locali. Anche se alcuni di questi possono essere considerati da noi italiani, un po’ particolari.
Certo, nulla hanno a che fare con le pizze che siamo abituati a mangiare, nei ristoranti o nei take away, qui in Italia. A Rimini a La Romagnola potrete assaggiare tantissime pizze, in decine di varianti diverse, classiche, del buon gustaio, della casa e anche in versione Baby, per i più piccoli. Ma nessuna di queste sarà come quelle di cui vi parleremo qui di seguito, per fortuna.

Paese che vai, pizza che trovi.
I paesi in cui la pizza è maggiormente diffusa, oltre all’Italia, sono la Gran Bretagna, la Germania, gli Stati Uniti, la Cina e l’Australia. Tra le personalizzazioni più diffuse c’è la salsa di pomodoro. Pensate che ne esistono oltre 100 ricette diverse e che, praticamente ogni ristorante take away o catena di pizzerie, ne ha una sua.
I tedeschi amano i gusti piccanti, mentre per gli inglesi non possono mai mancare aglio o cipolla.
Ma è negli Stati Uniti che la fantasia ha preso piede. Come non citare l’insolita Hawaiana, con peperoni, ananas e pancetta affumicata, o quella con uova, pancetta affumicata e funghi? Sono due tipologie di pizze che non possono mai mancare dal menù di ristoranti a domicilio o pizzerie take away, visto il grande affetto che gli americani nutrono per queste due varianti.
Altre farciture, sempre piuttosto originali, possono essere quella con aglio e formaggio, la pizza con ragù, anelli di cipolla e peperoni o con mais, pollo condito e formaggi. Inoltre, la pizza statunitense è caratterizzata da uno spessore piuttosto biscottato, in alcuni casi più somigliante ad una crostata che alla nostra pizza tonda al piatto.
Anche il Brasile ha uno stile originale. La pizza è sottile, con un bordo pronunciato e condimenti ricchi, come il manzo alla Stroganoff e il formaggio Catupiry.
In Giappone potrete trovare invece la pizze più simili alle nostre. Ma anche qui non mancano le eccentricità. Infatti esistono piccole pizze dai gusti originali, come il mais.

La tradizione, all’estero.
C’è però anche una crescente diffusione di ingredienti tradizionali italiani, come la mozzarella di bufala, il prosciutto San Daniele, la ‘Nduja e gli altri salami piccanti calabresi che parecchi ristoranti a domicilio e anche alcune pizzerie take away particolarmente attente ai gusti di un pubblico più raffinato, stanno proponendo.
Ma bisogna dire che spesso all’estero la tradizione italiana viene stravolta e riproposta in una salsa, è proprio il caso di dirlo, che forse di italiano ha ben poco. E il risultato probabilmente non sarebbe di nostro gradimento.

E voi, avete mai assaggiato una di queste pizze così “particolari”?

Lascia un commento

Codice di verifica: