Quali sono i musei dedicati al cibo più interessanti del mondo.

Di il 18 marzo 2016

Il cibo è uno dei nostri pensieri fissi. Cosa mangiamo a pranzo, e a cena? Quale ristorante scegliere per quell’avvenimento più importante, oppure quale bar per l’aperitivo con le amiche? Dove si mangia il sushi migliore e qual è la pizza take away più gustosa?
Non è più visto unicamente come nutrimento, ma anche come passione e interesse, nella vita delle persone.
Il cibo è anche il soggetto di alcuni musei, oggi vi raccontiamo quali sono i più interessanti.

Museo dei confetti, Sulmona.
In questa città, i confetti vengono prodotti fin dal 1783, e non poteva proprio mancare un museo dedicato a questa deliziosa specialità.

Museo del pomodoro, Collecchio.
In provincia di Parma si trova questo museo che ripercorre la storia del pomodoro, da quando venne importato dalle Americhe, fino alla sua successiva diffusione nel mondo.

Museo dell’Anguilla, Comacchio.
Celebre l’anguilla di Comacchio e anche il museo, dove attraverso un videoracconto potrete scoprire tutto quello che ancora ignorate sull’allevamento dell’anguilla.

Museo del Sale, Trapani.
Nella città in cui si trovano le saline più importanti d’Italia, non poteva mancare un museo dedicato al sale.

Museo della patatina fritta, Bruges.
Anche all’estero non scherzano, con i musei dedicati al cibo. A Bruges, in Belgio, ce n’è uno dedicato unicamente alla patata fritta, uno degli alimenti preferiti da grandi e bambini.

Noodles Museum, Yokohama.
In Giappone ovviamente, a Yokohama, si trova questo museo che ripercorre la storia del ramen, la celebre zuppa che alcuni di voi avranno mangiato mille volte al ristorante giapponese. Potrete ammirare le varie confezioni nelle quali viene inscatolata, e partecipare ad un laboratorio che vi spiegherà come preparare il vostro ramen ideale.

E voi, quali altri musei avete visitato, dedicati al cibo?

Lascia un commento