Tutte le pizze d’Italia, da quella fritta a quella in teglia

Di il 4 maggio 2016

Non esiste una sola pizza, ormai è ampiamente dimostrato. Anzi, potremmo dire che “paese che vai, pizza che trovi”. E addirittura, quando si parla di “paese della pizza”, ovvero l’Italia, anche più di una sola.
Non esiste esclusivamente la pizza napoletana, ma anche quella romana, palermitana o torinese.
Siete curiosi? Continuate a leggere per scoprire tutte le tipologie di pizze in Italia e conoscere le differenze tra una e l’altra.

Sfincione, Palermo.
Palermo ha la sua pizza e si chiama sfincione. L’impasto è morbido, un po’ spugnoso. A metà strada tra quello della pizza e il pane. Viene farcito con salsa di pomodoro, formaggio, olio extravergine e poi sarde e cipolla.

Scaccia, Ragusa.
Sempre per rimanere in Sicilia, se siete dalle parti di Ragusa non potete perdervi la Scaccia. Si tratta di una pizza dall’impasto sottile, di solito a base di grano duro. Viene piegata in due e riempita con pomodoro, caciocavallo, cipolla, ricotta e melanzane fritte. Forse non proprio un pasto leggero, ma sicuramente delizioso.

Tegamino, Torino.
Anche il nord ha la sua pizza. A Torino c’è invece la Pizza al Tegamino. L’impasto è morbido e croccante ai bordi. Il Tegamino è una pizza più alta rispetto alla classica napoletana, cotta al forno in padellino (o tegamino, appunto), per impedire che la pasta si attacchi durante la cottura. E’ un po’ un incrocio tra una focaccia e una pizza.

Fritta, Napoli.
Tra le varianti della pizza c’è quella fritta, tipica del capoluogo campano. La lievitazione è lunga, affinché sia fragrante e soffice, e la frittura è leggera.
Viene impastata con acqua, farina di tipo 0, sale marino e lievito madre fresco. Una volta che la cottura è stata ultimata, viene condita con un po’ di passata di pomodoro, qualche tocchetto di mozzarella e un giro d’olio.

Calzone, Napoli.
Sempre a Napoli potrete trovare il classico Calzone. Che sia cotto al forno oppure fritto, il Calzone utilizza l’impasto della pizza napoletana, con l’aggiunta di ricotta e salsiccia.

Teglia, Roma.
Una delle pizze romane per eccellenza è la teglia. L’impasto è molto idratato, ed è composto dalla stessa quantità di acqua e di farina. Viene poi cotta nel forno elettrico, che produce le tipiche alveolature e la crostina alla base. La consistenza è morbida e leggera.

Pala, Roma.
Sempre a Roma viene preparata la Pala. L’impasto è molto simile a quello della Teglia. Viene chiamata così perché viene infornata con la pala lunga da fornaio, e cotta su pietra refrattaria.

Focaccia, Genova.
A Genova, per la precisione a Recco, viene preparata la tipica focaccia. Un genere di pizza con un impasto semplice, senza lievito. Viene farcita con crescenza ligure.

Panzerotto, Bari.
Anche Bari ha la sua pizza, che viene chiamata Panzerotto. È più piccolo del calzone e ripieno di pomodoro, mozzarella, ma anche ricotta, carne, scamorza, olive e pepe nero. Di solito viene fritto.

E voi, quale preferite?

Lascia un commento

Codice di verifica: